14 ottobre

26.3.17

SOS Natura d'Italia: parte la campagna del WWF per difendere i parchi italiani


“Parte oggi la campagna di mobilitazione del WWF Italia per difendere i Parchi Nazionali che sono messi in pericolo da una legge che rischia di indebolire i principi e le garanzie di tutela della natura e far fare un salto indietro di quarant’anni al sistema delle Aree Protette”. Lo dichiara la presidente del WWF Italia Donatella Bianchi che aggiunge: “La proposta di riforma che approda domani in Aula alla Camera, dopo essere stata approvata al Senato, è una grande opportunità perduta: se il testo non verrà emendato ma licenziato frettolosamente, anziché rilanciare e rafforzare i Parchi italiani li indebolirà”.
Nonostante la Costituzione attribuisca allo Stato il compito di proteggere la natura, con la legge su cui da domani saranno chiamati ad esprimersi i deputati, di fatto, le Aree protette passerebbero sotto la diretta influenza degli Enti territoriali, rischiando di essere ostaggio di logiche partitocratiche e localistiche.
“Oggi il Parlamento sembra incapace di ascoltare il mondo al di fuori del Palazzo mentre con la Legge Quadro del 1991 (la 394) si aprì al confronto con la società civile e la comunità scientifica - conclude Donatella Bianchi -. Ma c’è ancora una possibilità per correggere la rotta: per questo il WWF si rivolge a tutti i deputati che da domani affronteranno, in Aula, la proposta di legge affinché accolgano una serie di modifiche sostanziali per modificare il testo che rischia di stravolgere il sistema delle Aree protette e di indebolire la “Natura D’Italia”.
I Parchi possono rappresentare una grande opportunità di sviluppo sostenibile, per questo occorre una riforma innovativa e proiettata al futuro.

Cosa prevede la proposta.
  1. Presidenti dei Parchi con solo generiche qualifiche di gestione amministrativa senza che sia richiesta nessuna competenza in materia di tutela ambientale;
  2. inserimento nel Consiglio Direttivo degli Enti-Parco di portatori di interessi economici, indebolendo gravemente la tutela degli interessi generali rappresentati dallo Stato;
  3. Direttori dei Parchi non di nomina nazionale, ma locale e senza che siano richieste competenze ambientali o naturalistiche e che ne sia garantita l’indipendenza;
  4. Aree Marine Protette governate attraverso un sistema frammentario e disomogeneo fortemente condizionato dagli interessi locali;
  5. gestione della fauna dei parchi non chiaramente ancorata alle Direttive comunitarie, aumentando anche le possibilità di coinvolgimento dei cacciatori per gli abbattimenti selettivi.
Come mobilitarsi insieme al WWF in questa battaglia fondamentale.
Sul Web per informazioni sulla mobilitazione vai su www.wwf.it/parchi
Scrivi al deputato della tua Circoscrizione: “S.O.S. Natura d’Italia: Le chiedo d’intervenire sul Disegno di Legge sui Parchi in discussione alla Camera per garantire le piene competenze dello Stato nella tutela e gestione del sistema di aree protette più importante d’Europa. #sosparchi”.
Fai un twitt con #sosnaturaditalia con il testo @lauraboldrini @PietroGrasso perché stravolgere la più importante legge italiana per la tutela della natura? #sosparchi con @WWFitalia