5x1000/

26.3.15

L’Ora della Terra in Abruzzo e nel mondo: è l’ora di “cambiare il cambiamento climatico”


Sabato 28 marzo il WWF ripropone l’Ora della Terra (Earth Hour), evento mondiale che unisce simbolicamente milioni di persone in ogni angolo del Pianeta, tutte impegnate sotto il segno del Panda per fermare il cambiamento climatico.
Le luci si spegneranno per un’ora in tutto il mondo, dalle ore 20.30 alle 21.30, attraverso i fusi orari, dal Pacifico alle coste atlantiche. Una vera e propria sfida con cui, attraverso il coinvolgimento di cittadini, amministrazioni pubbliche ed aziende, ognuno di noi è chiamato a promuovere un’azione capace di generare un vero e proprio cambiamento.
Si spegneranno i più importanti monumenti e luoghi della Terra: dalla Torre Eiffel al Colosseo, dal Cristo Redentore di Rio al Ponte sul Bosforo, dalla Porta di Brandeburgo alla Piazza Rossa, e tanti altri ancora.
Uno straordinario evento globale, nato a Sydney nel 2007 ed ora diffuso in tutto il mondo, dalle più grandi metropoli ai più piccoli paesi: l’edizione dello scorso anno ha coinvolto centinaia di milioni di uomini e donne in oltre 7.000 città di ben 162 diversi Stati.
Un’azione particolarmente significativa nell’anno in cui i Governi di tutti i Paesi del mondo sono chiamati alla COP21, prevista a Parigi a dicembre, a chiudere il negoziato ONU per un accordo globale sul clima prima che sia troppo tardi!
E si tratta di un’azione particolarmente significativa proprio nel nostro Abruzzo, una regione sotto attacco da parte di chi, per l’interesse di pochi, vuole portare avanti strategie energetiche superate, ad alto rischio e decisamente dannose per l’ambiente, l’economia ed anche per il clima.
Strategie assurde e miopi delle quali il progetto Ombrina Mare 2 rappresenta oggi solo il caso più noto e clamoroso, ma non certo l’unico.
Attualmente una buona parte dell’Abruzzo, a terra e a mare, è interessato da progetti di ricerca ed estrazione di idrocarburi. Grazie all’impegno delle Associazioni, dei Comitati e di alcuni enti locali abbiamo vinto importanti battaglie contro la petrolizzazione dell’Abruzzo, ma siamo destinati a perdere la guerra se non si cambierà la politica energetica nazionale.
“Spegnere la luce per un’ora”, dichiara Dante Caserta, consigliere nazionale del WWF Italia, “è ovviamente un gesto simbolico, ma ricco di significato. Deve testimoniare la volontà di cittadini ed Istituzioni di avere uno sviluppo diverso che privilegi il risparmio energetico, la messa in efficienza dei sistemi di produzione e degli edifici, la diffusione di mezzi di trasporto meno inquinanti e l’investimento sulle fonti energetiche alternative a quelle fossili. Qui in Abruzzo stiamo vivendo sulla nostra pelle quanto è pericoloso insistere sullo sfruttamento del petrolio e su modelli di sviluppo che consumano enormi quantità di energia. O cambiamo questi modelli di sviluppo ed impostiamo una strategia energetica nazionale diversa da quella attuale o sarà impossibile salvaguardare il nostro territorio”.
In Abruzzo molti Comuni hanno aderito all’invito del WWF di spegnere un monumento, una piazza o una strada.
“E sono tante le iniziative che il WWF, insieme ad enti locali ed aree protette, ha organizzato in Abruzzo”, dichiara Luciano Di Tizio, Delegato WWF Abruzzo. “Si spegneranno le luci di alcuni dei monumenti più conosciuti della nostra regione, si organizzeranno cene a lume di candela, si faranno attività di sensibilizzazione, incontri pubblici ed eventi per l’osservazione delle stelle. La nostra intenzione è che da questo gesto simbolico si passi poi ad atti concreti. I Comuni possono mettere in atto delle scelte reali di risparmio energetico, pianificazione urbanistica e sviluppo del trasporto pubblico che possono veramente fare la differenza nella lotta ai cambiamenti climatici. La volontà del WWF è lavorare insieme a queste realtà locali per la sostenibilità: tutti insieme possiamo avere la forza per cambiare il cambiamento climatico e salvare il Pianeta”.


Elenco adesione all’Ora della Terra in Abruzzo (altre realtà si stanno aggiungendo in queste ore). 

Abbateggio (PE) si spengono le luci del Monumento ai Caduti 
Anversa degli Abruzzi (AQ) incontro pubblico dell’Oasi WWF Gole del Sagittario “L’efficienza energetica a Casa” alle ore 17, a seguire si spengono le luci della Scalinata del Palazzo Municipale e della Biblioteca comunale 
Atri (TE) si spengono le luci di Palazzo Ducale della Città, a seguire cena a lume di candela presso il Ristorante “Il Duomo” 
Avezzano (AQ) si spengono le luci di Piazza Risorgimento 
Casoli (CH) si spengono le luci del Castello Ducale 
Chieti (CH) si spengono le luci del Museo universitario e le luci di piazza San Giustino e di piazza Gian Battista Vico, a seguire cena a lume di candela presso il Ristorante “Capsicum” 
Fossacesia (CH) si spengono le luci dell’Abbazia di San Giovanni in Venere 
Giulianova (TE) serata al lume di candela al locale “Non è. Arti e divertimento” 
Lama dei Peligni (CH) attività per i bambini e cena a lume di candela al Centro Visita “M. Locati” in collaborazione con il Parco Nazionale della Majella 
Montorio al Vomano (TE) si spengono le luci del Municipio e di piazza Orsini con osservazione delle stelle 
Mosciano Sant’Angelo (TE) si spengono le luci della Torre Acquaviva e della piazza antistante 
Nereto (TE) si spengono le luci del Palazzo di Città in Piazza della Repubblica 
Ortona (CH) si spengono le luci del Castello Aragonese 
Pacentro (AQ) si spengono le luci del Castello Caldoresco 
Pescara (PE) si spengono le luci del monumento della Nave di Cascella, a seguire cena a lume di candela Ristorante “Profumo di Sole” 
Pineto (TE) incontro pubblico “L’Oro della Natura, l’Ora della Terra”, a seguire si spengono le luci di Villa Filiani, monumento simbolo della città. Si spengono anche le luci della Torre di Cerrano in collaborazione con l’Area Marina Protetta Torre di Cerrano 
San Benedetto dei Marsi (AQ) si spengono le luci della Domus Romana
Scontrone (AQ) si spengono le luci di Piazza Sangro a Scontrone (capoluogo) e di Piazza del Carmelo a Villa Scontrone (frazione) 
Teramo (TE) visita del Duomo di Teramo alle 19:30 e si spengono le luci del Duomo e del centro con adesione dei negozi del centro storico 
Tortoreto (TE) si spengono le luci di via Carducci a Tortoreto Lido
Vasto (CH) si spengono le luci del Castello Caldoresco ed osservazione delle stelle, a seguire cena a lume di candela Ristorante “Le Cisterne”